Vai al contenuto

Come potenziare il tuo ruolo professionale con l’AI

L’Intelligenza Artificiale come catalizzatore della produttività: Una nuova era per le professioni

L’Intelligenza Artificiale sta rivoluzionando il mondo del lavoro, offrendo opportunità senza precedenti per migliorare l’efficienza, la produttività e l’innovazione. Secondo un recente studio del McKinsey Global Institute, l‘IA potrebbe creare fino a 4,4 trilioni di dollari di impatto economico annuo entro il 2025. Questo impatto non si limita a settori specifici, ma si estende a tutte le aree dell’economia. Spesso ci dimentichiamo che le imprese stanno già utilizzando l’AI in molti dei loro processi e l’impatto della AI Generativa sta semplicemente accelerando il processo di cambiamento digitale già in atto in moltissime realtà e professioni.

Come potenziare il tuo ruolo professionale con AI

Uno studio del MIT ha dimostrato che l’uso di ChatGPT può aumentare significativamente la produttività sul lavoro, in particolare per i lavoratori con meno esperienza. Gli LLM ( Large Language Model), come quello che alimenta ChatGPT, potrebbero influenzare almeno il 10% delle attività lavorative dell’80% della forza lavoro. Questo impatto non si limita ai settori con una recente crescita della produttività, ma si estende a professioni legate al Marketing, alle Vendite, al codice e all’Analisi. Senza contare l’impatto in quelli che sono i contenuti testuali e l’analisi strutturata di dati. L’esperienza umana, a questo punto, come può essere potenziata?

L’IA non è un sostituto per l’expertise umana

Nonostante i progressi dell’IA, il ruolo dei professionisti esperti rimane fondamentale per valutare e interpretare i risultati prodotti dai modelli linguistici. A questo proposito abbiamo analizzato per il ruolo del C-Level le opportunità di miglioramento grazie all’AI di BePeople. Scarica il nostro e-book per saperne di più.

Quello che accumuna l’AI è il grande potenziale di personalizzazione rispetto al proprio ruolo aziendale e ai propri obiettivi. Con un modello tecnologico standard non sarebbe possibile far apprendere alla macchina quelli che sono i nostri punti di interesse adattandoli al nostro modo di lavorare.

Tuttavia l’adozione di queste nuove tecnologie non è priva di rischi, tra cui le “allucinazioni” (risultati inesatti o dannosi prodotti dai modelli di IA) e la sicurezza delle informazioni confidenziali. Con BePeople stiamo già promuovendo un modello di AI consapevole e responsabile in quello che riguarda l’utilizzo dei dati aziendali, questo perché sappiamo quanto il dato sia ormai un valore importante per qualsiasi tipo di business.

L’IA e la Trasformazione delle Competenze Professionali

L’adozione dell’IA richiede anche una trasformazione delle competenze professionali. Le competenze tecniche relative all’IA sono sempre più richieste, ma sono altrettanto importanti le competenze trasversali, come la capacità di lavorare in modo efficace con l’IA, di comprendere le sue potenzialità e limitazioni e di gestire i cambiamenti organizzativi associati alla sua adozione. Entra in gioco il valore di una formazione consapevole che supporti la capacità umana di logica e comunicazione con una rapida ed efficiente interazione con un numero sempre più elevato di dati e informazioni.

L’IA e l’Etica del Lavoro

L’adozione dell’IA pone le aziende davanti a importanti sfide etiche. Ad esempio, come possiamo garantire che l’IA sia utilizzata in modo responsabile e rispettoso dei diritti dei lavoratori? Come possiamo prevenire e mitigare i rischi associati all’IA, come la discriminazione algoritmica o la violazione della privacy? Queste sono domande cruciali che le aziende e i professionisti devono affrontare nel loro percorso verso l’adozione dell’IA. Questa tecnologia in rapida evoluzione richiede una regolamentazione attenta e consapevole. Alcuni esperti hanno proposto una moratoria sui nuovi modelli generativi, mentre altri hanno proposto la creazione di un’agenzia governativa per la licenza dei grandi modelli di AI. Tuttavia siamo ancora lontani da una soluzione condivisa a livello mondiale. Nel frattempo è compito di noi essere umani agire secondo principi etici ed evitare di trasformare l’innovazione dell’AI in qualcosa di negativo. Rivoluzione dell’Intelligenza Artificiale

I benefici a lungo termine dell’acquisizione di competenze di AI

L’acquisizione di competenze nell’Intelligenza Artificiale (IA) non è solo un investimento nel presente, ma offre anche una serie di benefici a lungo termine che possono avere un impatto significativo prima di tutto sulla professionalità di ciascun ruolo. Ecco alcuni dei benefici che abbiamo individuato e che potrebbero essere considerati di grande valore per i singoli professionisti:

  • Differenziazione nel Mercato del Lavoro: Le competenze in IA sono sempre più richieste in una vasta gamma di settori. Avere queste competenze può distinguerti dagli altri candidati.
  • Accesso a Nuovi Ruoli: accedere a nuovi ruoli e opportunità di carriera che richiedono una comprensione di questi concetti.
  • Sviluppo di Competenze Trasversali: migliorare le tue capacità di problem-solving, pensiero critico e analisi dei dati.
  • Potenziale di Leadership: posizionarsi come leader nel tuo campo, guidando l’innovazione e l’implementazione di tecnologie emergenti.
  • Maggiore Retribuzione: avere stipendi più elevati, riflettendo la domanda e la specializzazione richiesta oltre che una maggiore possibilità di avanzamento di carriera in reparti specializzati

I benefici per le aziende

  • Sviluppo di Nuovi Prodotti e Servizi: L’IA può essere utilizzata per sviluppare nuovi prodotti e servizi, migliorare i processi esistenti e creare soluzioni innovative.
  • Contributo alla Ricerca: Le competenze in IA possono essere applicate alla ricerca scientifica e tecnologica, accelerando le scoperte e contribuendo al progresso della conoscenza.
  • Etica e Responsabilità: La comprensione dell’IA può aiutare a guidare l’uso etico e responsabile della tecnologia, proteggendo i diritti e il benessere delle persone.
  • Apprendimento Continuo: L’IA incoraggia una mentalità di apprendimento continuo, che è essenziale in un mondo in cui le competenze e le conoscenze devono essere costantemente aggiornate.

Conclusione

L’IA offre enormi opportunità per potenziare le professioni e migliorare la produttività sul lavoro. Tuttavia, per sfruttare al meglio queste opportunità, è necessario un approccio olistico che consideri non solo le potenzialità tecniche dell’IA, ma anche le sue implicazioni per le competenze professionali, l’organizzazione del lavoro e l’etica del lavoro.

In questo contesto, la formazione e l’apprendimento continuo giocano un ruolo chiave. Le aziende e i professionisti devono investire nella formazione per sviluppare le competenze necessarie per lavorare efficacemente con l’IA. Allo stesso tempo, è importante promuovere una cultura dell’apprendimento continuo, in cui i professionisti sono incoraggiati a aggiornare e ampliare continuamente le loro competenze in risposta all’evoluzione del panorama tecnologico.